LA STRATEGIA BIOINTEGRALE PRENDE FORMA

LA STRATEGIA BIOINTEGRALE PRENDE FORMA

 

DISEI è arrivata ad una fase importante di studio per quanto riguarda la strategia da fare su un vino\ prodotto biointegrale.

Un prodotto che si aggiunge alla scelta, che fino ora avevamo, tra biologico e biodinamico.Si tratta di una nuova metodica produttiva che prende spunto dal biologico, certificazione di cui si fregia, prevede la cura della vigna e la strutturazione dell’azienda secondo i rigidi precetti biodinamici e li accompagna a ricerca di equilibrio ed eleganza in cantina.

L’approccio biointegrale è una filosofia agronomica incentrata sulla tutela dell’ambiente, la responsabilità sociale verso il territorio, l’integrazione uomo-animale e la promozione della biodiversità come leve essenziali per preservare e valorizzare la terra per le generazioni future, garantendo la continuità delle risorse da cui l’uomo dipende. Convertirsi al biointegrale significa creare un’azienda che rappresenti un sistema pressoché autosufficiente in cui tutto è rivisto in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Tuttavia il biointegrale non rappresenta solo una pratica di viticoltura rispettosa e tutelante l’ambiente, ma anche una vera e propria strategia competitiva, una eco innovazione di processo e prodotto fonte di vantaggio competitivo.

DISEI  sta studiando,   di creare un nuovo spazio di mercato,considerando i vincoli ambientali come un’opportunità (così come è successo per il carsharing) e sviluppando di conseguenza prodotti unici nella loro capacità di combinare

elevati standard qualitativi con processi sostenibili da tutti i punti vista (ambientale,economico e sociale).